Alliance Cicatrici
Colifagina S
Forum Infettivologico
Farmaexplorer.it

Vazkepa come terapia aggiuntiva negli adulti trattati con statine che presentano ipertrigliceridemia


Vazkepa, il cui principio attivo è Icosapent etile, trova indicazione nella riduzione del rischio di eventi cardiovascolari quali infarto miocardico, ictus e altri problemi causati dall’occlusione della circolazione sanguigna.
Vazkepa è indicato come terapia aggiuntiva negli adulti trattati con statine che presentano elevati livelli di trigliceridi nel loro sangue.
Vazkepa deve essere usato nei pazienti affetti da malattia cardiovascolare o da diabete mellito e un’altra condizione che incrementa il rischio di eventi cardiovascolari.

Vazkepa è disponibile sotto forma di capsule, ciascuna delle quali contiene 998 mg di Icosapent etile. La dose consigliata è di 2 capsule due volte al giorno, da assumere con i pasti o successivamente.

Non è chiaro in che modo Icosapent etile, il principio attivo di Vazkepa, agisca, ma è probabile che presenti un effetto antinfiammatorio, riduca i livelli di proteine dannose ricche di trigliceridi e abbia un effetto antiossidante protettivo. Di conseguenza, il medicinale potrebbe ridurre l’accumulo di depositi grassi nei vasi sanguigni e, in tal modo, prevenirne l’occlusione.

Uno studio che ha coinvolto oltre 8 000 pazienti, che erano affetti da malattia cardiovascolare o a elevato rischio di contrarla, ha riscontrato l’efficacia di Vazkepa nella riduzione degli eventi cardiovascolari. Tra tali eventi si annoveravano infarto del miocardio, ictus, blocchi o interruzioni nell’afflusso del sangue al miocardio e decesso da eventi cardiovascolari.
Tutti i pazienti nello studio avevano livelli di trigliceridi aumentati ed erano in trattamento con statine.
Gli eventi cardiovascolari si sono verificati nel 17% ( 705 su 4 089 ) dei pazienti trattati con Vazkepa rispetto al 22% ( 901 su 4 090 ) dei pazienti che avevano assunto placebo.

Gli effetti indesiderati più comuni di Vazkepa ( che possono riguardare fino a 1 persona su 10 ) sono: sanguinamento, edema periferico ( tumefazione nei piedi e nelle braccia a causa dell’incremento di fluido ), fibrillazione atriale, costipazione, dolore osseo e muscolare, gotta ed eruzione cutanea.

I pazienti non devono assumere Vazkepa se sono allergici alla soia o a uno qualsiasi degli ingredienti del medicinale.

Vazkepa è risultato efficace nel ridurre gli eventi cardiovascolari nei pazienti a elevato rischio di andare incontro a tali eventi, che assumevano statine e presentavano elevati livelli di trigliceridi.
Gli effetti indesiderati di Vazkepa sono stati ritenuti gestibili.
L’Agenzia europea per i medicinali ( EMA ) ha deciso che i benefici di Vazkepa sono superiori ai rischi. ( Xagena2021 )

Fonte: EMA, 2021

Cardio2021 Endo2021 Farma2021


Indietro