Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Cardiobase

Talzenna per il trattamento del carcinoma della mammella HER2-negativo con mutazioni BRCA


Talzenna è un medicinale antitumorale usato in monoterapia per trattare il carcinoma della mammella HER2-negativo con mutazioni BRCA, che si è diffuso oltre la sede iniziale.
Trova impiego nelle pazienti trattate con determinati medicinali che hanno smesso di produrre effetti o quando tali medicinali non sono adatti.
Talzenna contiene il principio attivo Talazoparib.

Il trattamento con Talzenna deve essere avviato e controllato da un medico esperto nell’utilizzo di medicinali antitumorali.
Talzenna è disponibile in capsule ( 0.25 e 1 mg ) e la dose raccomandata è di 1 mg una volta al giorno.
Il trattamento deve essere protratto fintanto che il paziente continua a trarne beneficio e gli effetti indesiderati sono tollerabili.
La dose può essere ridotta o il trattamento interrotto se insorgono determinati effetti indesiderati.

Il principio attivo contenuto in Talzenna, Talazoparib, blocca l’azione di enzimi denominati enzimi umani poli (ADP-ribosio) polimerasi ( PARP ); si tratta di proteine che aiutano a riparare il DNA danneggiato nelle cellule ( sia normali sia tumorali ) durante la divisione cellulare. Pertanto, quando le proteine PARP vengono bloccate, il DNA danneggiato delle cellule tumorali non può essere riparato e, di conseguenza, le cellule tumorali muoiono.

Talzenna ha dimostrato di essere efficace nel prolungare il tempo di vita senza peggioramento della malattia in uno studio principale effettuato su 431 pazienti affetti da tumore della mammella HER2- negativo con mutazioni BRCA e metastasi. I pazienti trattati con Talzenna sono vissuti in media 8.6 mesi senza peggioramento della malattia rispetto ai 5.6 mesi di quelli trattati con un altro medicinale antitumorale scelto dal medico.

Gli effetti indesiderati più comuni di Talzenna ( che possono riguardare più di 1 persona su 4 ) sono stanchezza, anemia, nausea, neutropenia, trombocitopenia e cefalea.
Gli effetti indesiderati gravi più comuni ( che possono riguardare più di 1 persona su 10 ) che hanno richiesto cambiamenti nella dose di Talzenna sono anemia, neutropenia e trombocitopenia.

Le donne non devono allattare durante il trattamento con Talzenna e per un mese dall’interruzione dello stesso.

Generalmente i pazienti con carcinoma al seno HER2-negativo con mutazioni BRCA e metastasi presentano prognosi negativa. Talzenna può prolungare la vita di questi pazienti senza che la malattia peggiori.

Gli effetti indesiderati di Talzenna sono stati generalmente ben tollerati e, se necessario, gestibili con modifiche del dosaggio e/o terapia medica standard di sostegno. ( Xagena2019 )

Fonte: EMA, 2019

Onco2019 Gyne2019 Farma2019


Indietro