Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Mediexplorer.it

Proseguimento della terapia con basso dosaggio di Aspirina nel sanguinamento da ulcera peptica


Non è chiaro se la terapia con Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ) possa essere continuata dopo terapia emostatica endoscopica in pazienti che sono andati incontro a sanguinamento da ulcera peptica mentre erano in trattamento con Acido Acetilsalicilico a bassa dose.

Un gruppo di ricercatori di Hong Kong ha portato a termine uno studio per valutare la non-inferiorità del proseguimento della terapia con Aspirina con inibitori della pompa protonica dopo controllo endoscopico del sanguinamento ulceroso rispetto all’interruzione della terapia con Aspirina, in termini di sanguinamento ulceroso ricorrente in adulti con malattia cardiovascolare o cerebrovascolare.

Lo studio in parallelo, randomizzato, di non inferiorità, nel quale sia i pazienti sia i medici erano in cieco rispetto al trattamento, è stato condotto dal 2003 al 2006 presso un Centro endoscopico terziario.

Sono stati reclutati pazienti in terapia con bassi dosaggi di Aspirina e sanguinamento da ulcera peptica.

In totale, 78 pazienti hanno ricevuto Aspirina 80 mg/die e 78 placebo per 8 settimane immediatamente dopo la terapia endoscopica.

Tutti i pazienti hanno ricevuto un’infusione di 72 ore di Pantoprazolo seguita da Pantoprazolo ( Pantorc ) per via orale e tutti i pazienti hanno completato il periodo di follow-up.

L’endpoint primario era il sanguinamento ulceroso ricorrente entro 30 giorni confermato con endoscopia.
Gli endpoint secondari erano la mortalità per tutte le cause e specifica, in 8 settimane.

Sono stati inclusi nell’analisi intention-to-treat 156 pazienti.

Tre pazienti hanno abbandonato lo studio prima di terminare il follow-up.

Il sanguinamento ulceroso ricorrente entro 30 giorni è stato del 10.3% nel gruppo Aspirina e del 5.4% in quello placebo ( differenza: 4.9 punti percentuali ).

I pazienti che hanno ricevuto Aspirina hanno mostrato tassi inferiori di mortalità per tutte le cause rispetto a quelli che hanno ricevuto placebo ( 1.3% vs 12.9%; differenza: 11.6 punti percentuali ).

I pazienti del gruppo Aspirina hanno mostrato tassi di mortalità attribuibili a complicazioni cardiovascolari, cerebrovascolari o gastrointestinali più bassi rispetto ai pazienti del gruppo placebo ( 1.3% vs 10.3%; differenza: 9 punti percentuali ).

La dimensione del campione di studio era relativamente limitata, ed è stata utilizzata solo Aspirina a basso dosaggio ( 80 mg ).

Nel gruppo placebo, 2 pazienti con sanguinamento ricorrente non si sono sottoposti a un’ulteriore endoscopia.

In conclusione, tra i pazienti trattati con Aspirina a basso dosaggio con sanguinamento da ulcera peptica, il proseguimento della terapia con Aspirina potrebbe aumentare il rischio di sanguinamento ricorrente, ma riduce potenzialmente i tassi di mortalità.
Sono necessari studi su popolazioni più ampie per confermare queste osservazioni. ( Xagena2010 )

Sung JJ et al, Ann Intern Med 2010 ; 152: 1-9


Farma2010 Cardio2010 Neuro2010


Indietro