Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Gastrobase.it

Prevenzione del tumore alla prostata: Finasteride e Dutasteride associati a un aumento dei tumori ad alto grado


L’FDA ( Food and Drug Administration ) ha informato gli operatori sanitari che la sezione Avvertenze e precauzioni delle schede tecniche degli inibitori della 5-alfa reduttasi ( 5-ARI ) sono stati rivisti per includere le nuove informazioni di sicurezza circa l'aumentato rischio di diagnosi di una forma più grave di tumore della prostata.

La decisione dell’FDA si basa sull’analisi di due studi: PCPT e REDUCE.

Il PCPT era uno studio randomizzato, in doppio cieco, placebo-controllato, multicentrico, che ha riguardato 18.882 uomini d’età di 55 anni o superiore, con un normale esame digitale rettale e livelli di PSA inferiori o uguali a 3 ng/mL.
Gli uomini a più alto rischio di sviluppare il cancro alla prostata, come gli uomini con precedenti biopsie della prostata che hanno mostrato una neoplasia prostatica intraepiteliale ad alto grado, sono stati esclusi dallo studio.
Lo studio ha confrontato l'uso della Finasteride 5 mg ( n=9.423 ) rispetto al placebo ( n=9.459 ) per la riduzione del rischio di tumore alla prostata.
Il trattamento è stato continuato per sette anni dopo la randomizzazione o fino alla diagnosi di cancro alla prostata, all'inizio del trattamento per iperplasia prostatica benigna con un 5-ARI, o alla comparsa di effetti collaterali inaccettabili.
Il protocollo dello studio specificava che l’ecografia transrettale della prostata e la biopsia a sestante dovevano essere eseguite dopo l’innalzamento del livello di PSA o dopo un esame rettale digitale anormale nel corso dello studio.
Tutti i partecipanti che non avevano in precedenza diagnosi di cancro alla prostata sono stati sottoposti a ecografia transrettale e biopsia della prostata a sestante, dopo aver completato 7 anni di studio.

I risultati dello studio PCPT hanno mostrato che gli uomini nel braccio Finasteride avevano un rischio complessivo inferiore del 26% di avere diagnosi di tumore alla prostata rispetto al braccio placebo ( p<0.0001 ).
La riduzione del rischio di cancro alla prostata era limitato a tumori della prostata con punteggio Gleason ( GS ) pari a 6 o valore inferiore. Tuttavia, c'è stato un aumento di incidenza di tumori della prostata 80-10 GS con Finasteride rispetto al placebo ( 1.8% versus 1.1%, rispettivamente ).

Lo studio REDUCE era uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, che aveva come obiettivo quello di valutare l'efficacia e la sicurezza di una dose unica giornaliera di Dutasteride nel ridurre il rischio di carcinoma della prostata rilevabile dalla biopsia negli uomini di età compresa tra 50 e 75 anni, considerati ad aumentato rischio per il cancro alla prostata.
Lo studio ha assegnato 8.231 uomini a ricevere placebo ( n=4126 ) oppure Dutasteride 0.5 mg ( n=4105 ) una volta al giorno per un totale di 4 anni.
Le biopsie prostatiche sono state eseguite a 2 e a 4 anni. Le biopsie non-pianificate in aggiunta al protocollo sono state autorizzate, se clinicamente indicate, a discrezione del ricercatore, ma sono state scoraggiate.

I risultati dello studio REDUCE hanno mostrato che gli uomini trattati con Dutasteride hanno avuto un rischio complessivo di diagnosi di cancro alla prostata rilevabile alla biopsia più basso del 23%, rispetto agli uomini nel gruppo placebo ( p<0.0001 ).
Questa riduzione del rischio globale si riferiva a una diminuzione dei tumori della prostata con punteggio Gleason di 6 o inferiore. Al contrario, c'è stato un aumento dell'incidenza di tumori 8-10 GS con Dutasteride rispetto al placebo ( 1% versus 0.5%, rispettivamente ). ( Xagena2011 )

Fonte: FDA, 2011


Uro2011 Farma2011 Onco2011


Indietro