Farmaexplorer.it
XagenaNewsletter
Xagena Mappa
Medical Meeting

MetMAb combinato con Erlotinib nel cancro polmonare non-a-piccole cellule ad alta espressione di MET


I risultati preliminari di uno studio di fase II hanno mostrato che una combinazione di MetMAb, un anticorpo monovalente, con Erlotinib ( Tarceva ) ha quasi raddoppiato il tempo senza peggioramento della malattia ( sopravvivenza libera da progressione o PFS ) tra le persone affette da tumore polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) ad alta espressione di MET, rispetto al placebo più Erlotinib ( hazard ratio, HR=0.560, p = 0.0547 ).
La sopravvivenza mediana libera da progressione è risultata migliorata passando da 6.4 settimane a 12.4 settimane.

Lo studio di fase II, randomizzato, multicentrico, in doppio cieco, controllato con placebo, ha valutato l'efficacia e la sicurezza di MetMAb più Erlotinib, contro placebo più Erlotinib nei pazienti che avevano ricevuto un precedente trattamento per tumore NSCLC in fase avanzata.
I pazienti sono stati stratificati per l'espressione dei recettori MET nel loro campione di tumore, utilizzando metodi immunoistochimichi ( IHC ), e sono stati classificati come MET-alta o MET-bassa, secondo un sistema di punteggio predefinito.

Lo studio ha anche mostrato che l'aggiunta di MetMAb a Erlotinib nei pazienti i cui tumori esprimevano alti livelli di MET, ha portato ad un miglioramento della sopravvivenza globale rispetto al placebo più Erlotinib ( HR=0.549 p= 0,1113 ).
La sopravvivenza generale mediana è risultata migliorata passando da 7.4 mesi a 7.7 mesi.

Il trattamento con MetMAb è stato generalmente ben tollerato e non sono stati osservati segnali di sicurezza imprevisti.

La popolazione ad alta espressione di MET rappresentava il 54% dei pazienti arruolati nello studio. ( Xagena2010 )

Fonte: 35th European Society for Medical Oncology ( ESMO ) Congress, 2010


Farma2010 Emo2010


Indietro