Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Ematobase.it

Melanoma con mutazione BRAF V600: Zelboraf


Zelboraf è un antitumorale che trova impiego nel trattamento degli adulti affetti da melanoma che si è diffuso in altre parti del corpo o che non può essere rimosso chirurgicamente.
Zelboraf è indicato solo per i pazienti le cui cellule tumorali del melanoma presentano una specifica mutazione ( alterazione genetica ) denominata BRAF V600.
Zelboraf contiene il principio attivo Vemurafenib.

Il trattamento con Zelboraf deve essere iniziato e controllato da un medico specialista esperto nei trattamenti antitumorali.
Prima di iniziare il trattamento è necessario eseguire un esame in modo da verificare la presenza della mutazione BRAF V600 nelle cellule tumorali del paziente.

Zelboraf è disponibile in compresse ( 240 mg ). La dose raccomandata è di 960 mg ( quattro compresse ) due volte al giorno. La prima dose deve essere assunta al mattino e la seconda dose la sera, circa 12 ore dopo. Ogni dose può essere assunta con o senza cibo ma Zelboraf deve essere assunto quotidianamente secondo le stesse modalità.
Il trattamento deve protrarsi finché la malattia non peggiora o gli effetti indesiderati non diventano troppo gravi.

Il principio attivo di Zelboraf, Vemurafenib, è un inibitore di BRAF, una proteina che partecipa alla stimolazione della divisione cellulare.
Nei melanomi con mutazione BRAF V600 è presente una forma anomala di BRAF che contribuisce allo sviluppo del tumore, permettendo la divisione incontrollata delle cellule tumorali. Bloccando l’azione della BRAF anomala, Zelboraf contribuisce al rallentamento della crescita e della diffusione del tumore.

Zelboraf è stato confrontato con l'antitumorale Dacarbazina in uno studio principale condotto su 675 pazienti con melanoma contenente la mutazione BRAF V600 diffuso o inoperabile.
Ai pazienti doveva essere somministrato il medicinale fino a peggioramento della malattia o a non-tollerabilità.
I principali parametri dell’efficacia erano il tempo di sopravvivenza dei pazienti ( sopravvivenza globale ) e il tempo di sopravvivenza senza peggioramento della malattia ( sopravvivenza senza progressione ).
Zelboraf si è dimostrato efficace nel prolungare la vita dei pazienti e nel ritardare il peggioramento della malattia.
Lo studio ha mostrato che la sopravvivenza dei pazienti trattati con Zelboraf era pari in media a 13.2 mesi, rispetto ai 9.9 mesi dei pazienti trattati con Dacarbazina.
Quanto al peggioramento della malattia, nel gruppo trattato con Zelboraf si è verificato in media dopo 5.3 mesi, a fronte di 1.6 mesi nel gruppo trattato con Dacarbazina.

Gli effetti indesiderati più comuni di Zelboraf ( che possono riguardare più di 3 pazienti su 10 ) includono artralgia ( dolore articolare ), stanchezza, eruzione cutanea, reazione di fotosensibilità ( reazioni simili a scottature solari a seguito di esposizione alla luce ), nausea e vomito ( sensazione e stato di malessere ), alopecia ( perdita di capelli ), diarrea, cefalea, prurito, papilloma cutaneo ( verruche ) e ipercheratosi ( ispessimento e indurimento della pelle ).
Gli effetti indesiderati gravi più comuni hanno incluso: carcinoma a cellule squamose della cute, comunemente trattato mediante intervento chirurgico locale, cheratoacantoma ( tumore della pelle benigno ), eruzione cutanea, artralgia e alterazione dei risultati dei test epatici ( aumento della gamma-glutamil transferasi [ GGT ] ).

L’Agenzia europea per i medicinali, EMA, ha deciso che i benefici di Zelboraf sono superiori ai rischi.
L’Agenzia ha rilevato che l’efficacia di Zelboraf nel migliorare la sopravvivenza globale e nel ritardare il peggioramento del melanoma positivo alla mutazione BRAF V600 diffuso o inoperabile era stata dimostrata in modo convincente.
Per quanto riguarda i rischi, nello studio principale circa la metà dei pazienti trattati con Zelboraf ha manifestato un grave effetto indesiderato e circa un quinto ha sviluppato un carcinoma a cellule squamose della cute. L’Agenzia ha ritenuto gestibili gli effetti indesiderati e ha incluso raccomandazioni rivolte ai medici all’interno delle informazioni sul prodotto ( RCP ) al fine di ridurre i rischi. ( Xagena2018 )

Fonte: EMA, 2018

Onco2018 Dermo2018 Farma2018


Indietro