Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Dermabase.it

Immunoterapia oncologica: l’FDA ha concesso la revisione prioritaria per Atezolizumab nel tumore del polmone non-a-piccole cellule localmente avanzato o metastatico


La FDA ( Food and Drug Administration ) ha accettato la Application Biologics License ( BLA ) e la revisione di priorità concessa per Atezolizumab ( anti-PD-L1; MPDL3280A ) per il trattamento dei pazienti con cancro del polmone non-a-piccole cellule localmente avanzato o metastatico ( NSCLC ), in cui il tumore esprime la proteina PD-L1 ( determinata mediante un test approvato dalla FDA ), e che ha progredito nel corso o dopo chemioterapia a base di Platino.

Atezolizumab è stato designato come terapia fortemente innovativa ( Breakthrough Therapy ) da parte dell’Agenzia regolatoria statunitense nel mese di febbraio 2015 per il trattamento dei pazienti in cui il tumore NSCLC esprime PD-L1 e la cui malattia è progredita durante o dopo i trattamenti standard ( ad esempio, chemioterapia a base di Platino e appropriata terapia mirata per malattia positiva per la mutazione di EGFR o per il riarrangiamento ALK ).

La designazione Breakthrough Therapy è un percorso per accelerare lo sviluppo e la revisione di farmaci destinati a curare malattie gravi o pericolose per la vita e per assicurare che le persone abbiano accesso a questi farmaci attraverso l'approvazione della FDA nel più breve tempo possibile.

La domanda di autorizzazione per Atezolizumab si basa sui risultati degli studi clinici, tra cui lo studio di fase II BIRCH.
L’FDA prenderà una decisione in merito all'approvazione entro il 19 ottobre 2016.

E’ anche in fase di revisione un Application Premarket ( PMA ) da parte della FDA per un test immunoistochimico ( IHC ) compagno, sviluppato da Roche Tissue Diagnostics.

Questo è il secondo BLA per Atezolizumab. Il 14 marzo l’FDA aveva accettato un BLA e concesso la priorità di revisione per Atezolizumab per il trattamento di pazienti con carcinoma uroteliale localmente avanzato o metastatico che avevano avuto progressione della malattia durante o dopo la chemioterapia a base di Platino in una condizione metastatica, o la cui malattia era peggiorata entro 12 mesi dal trattamento chemioterapico a base di Platino prima dell’intervento chirurgico ( neoadiuvante ) o dopo l'intervento chirurgico ( adiuvante ).

BIRCH è uno studio di fase II, in aperto, multicentrico, a braccio singolo che ha valutato la sicurezza e l'efficacia di Atezolizumab in 667 persone con tumore NSCLC localmente avanzato o metastatico, con espressione di PD-L1.
L’espressione di PD-L1 è stata valutata sia per le cellule tumorali sia per le cellule immunitarie infiltranti il tumore con un test immunoistochimico basato sull’anticorpo SP142.
I pazienti nello studio hanno ricevuto una dose di 1200 mg di Atezolizumab per via endovenosa ogni tre settimane.
L'endpoint primario dello studio era il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) valutato da un Centro di revisione indipendente in base a criteri RECIST v1.1.
Gli endpoint secondari comprendevano durata della risposta ( DOR ), la sopravvivenza globale, la sopravvivenza libera da progressione, e la sicurezza.

Atezolizumab è un anticorpo monoclonale progettato per legarsi a una proteina chiamata ligando 1 della morte programmata ( PD-L1 ). Atezolizumab si lega direttamente a PD-L1 espressa sulle cellule tumorali e sulle cellule immunitarie infiltranti il tumore, bloccando le sue interazioni con i recettori PD-1 e B7.1.
Inibendo PD-L1, Atezolizumab può consentire l'attivazione delle cellule T.

Secondo l'American Cancer Society ( ACS ), si stima che più di 224.000 statunitensi avranno, nel 2016, diagnosi di cancro ai polmoni, e il tumore del polmone non-a-piccole cellule rappresenta l'85% di tutti i tumori polmonari.
Si stima che, negli Stati Uniti, circa il 60% delle diagnosi di cancro al polmone venga fatta quando la malattia è in fase avanzata. ( Xagena2016 )

Fonte: Genentech, 2016

Onco2016 Pneumo2016 Farma2016


Indietro