Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Mediexplorer.it

I dubbi sui farmaci antinfiammatori


Farmaci antinfiammatori, what should physicians do ? A questa domanda cerca di rispondere David J Graham, un medico dell’FDA ( Food and Drug Administration ).

Per i pazienti con artrite o altre malattie che richiedono sollievo al dolore, in modo cronico, il Naprossene ( Naprosyn ) sembra essere il farmaco antinfiammatorio non steroideo ( FANS ) più sicuro sotto l’aspetto cardiovascolare.

Per i pazienti ad alto rischio di complicanze del tratto gastrointestinale associate all’uso dei FANS, può essere impiegato il Naprossene associato ad un inibitore della pompa protonica, forse più sicuro del Celecoxib ( Celebrex ) a basso dosaggio.

Graham pone anche il problema dell’utilità dell’uso degli inibitori selettivi COX-2: questi farmaci hanno un costo più alto rispetto agli altri FANS, presentano un più alto rischio cardiovascolare e non offrono benefici di protezione gastrointestinale rispetto al Naprossene associato ad un inibitore della pompa protonica.

Un altro argomento aperto è rappresentato dall’Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ).
L’Aspirina potrebbe ridurre o abolire il rischio di infarto miocardico associato ai FANS COX-2 selettivi ?
Nel caso in cui l’Acido Acetilsalicilico in aggiunta agli inibitori COX-2 risultasse cardioprotettivo, in che modo ridurre il rischio di complicanze gastrointestinali ?
Graham sottolinea che l’uso concomitante di un inibitore COX-2 ed Aspirina andrebbe a contraddire la teoria alla base dell’impiego degli inibitori selettivi COX-2.

Il rischio cardiovascolare prodotto dal Rofecoxib ( Vioxx ) è ormai accertato.
Recentemente, tuttavia, Merck & Co ha mostrato l’interesse a promuovere l’approvazione alla commercializzazione negli Stati Uniti di un farmaco simile al Rofecoxib, Etoricoxib ( Arcoxia ).

Un’analisi di 3 studi randomizzati, i cui dati sono stati raccolti nello studio MEDAL ( Multinational Etoricoxib and Diclofenac Arthritis Long-Term Program ) ha mostrato che il rischio di eventi trombotici con Etoricoxib non era differente rispetto al Diclofenac ( Voltaren ) ( rischio relativo, RR = 1.05 ).

Secondo Graham , Merck & Co ha impiegato per lo studio MEDAL un disegno di non inferiorità che ha poco potere nell’individuare differenze tra i farmaci riguardo alla sicurezza.
Inoltre, Etoricoxib è stato confrontato con Diclofenac, un antinfiammatorio che, è noto, aumenta il rischio di infarto miocardico.

Gli stratagemmi utilizzati da Merck & Co nello studio MEDAL possono alterare i risultati.

Per Graham il Naprossene e non il Diclofenac avrebbe dovuto rappresentare il farmaco di riferimento nello studio MEDAL. ( Xagena2006 )

Fonte: The Journal of American Medical Association, 2006


Farma2006 Reuma2006 Cardio2006


Indietro