OncologiaMedica.net
Reumatologia
OncoGinecologia.net
Gastroenterologia.net

Fasenra per il trattamento dell'asma eosinofilico


Fasenra è un medicinale antiasmatico utilizzato per il trattamento di un particolare tipo di asma negli adulti, noto come asma eosinofilico.
È utilizzato come trattamento aggiuntivo in pazienti adulti con asma grave non-controllata adeguatamente da una combinazione di corticosteroidi a dosi elevate somministrati per via inalatoria e medicinali noti come beta-agonisti a lunga durata d’azione.
Fasenra contiene il principio attivo Benralizumab.

Fasenra è disponibile sotto forma di soluzione iniettabile in siringhe preriempite. La dose raccomandata è 30 mg somministrati tramite iniezione sottocutanea nella parte superiore del braccio, nelle cosce o nell’addome ogni 4 settimane per le prime 3 dosi e successivamente ogni 8 settimane.
Fasenra deve essere somministrato finché il paziente ne trae beneficio e i medici dovrebbero valutare almeno una volta all’anno se continuare la terapia.

La sintomatologia dell’asma eosinofilico è associata a una presenza troppo elevata di eosinofili, un tipo di globuli bianchi, nel sangue e nel muco polmonare.
Benralizumab, il principio attivo di Fasenra, è un anticorpo monoclonale ( un tipo di proteina ), progettato per attaccarsi a recettori ( bersagli ) chiamati recettori dell’interleuchina-5 sulla superficie di eosinofili. Attaccandosi ai recettori dell’interleuchina-5, Fasenra attiva il sistema immunitario per eliminare gli eosinofili nel sangue e nei polmoni. Ciò contribuisce a ridurre l’infiammazione, con conseguente riduzione degli attacchi di asma e miglioramento dei sintomi.

Fasenra riduce il numero di esacerbazioni ( riacutizzazioni ) dell’asma durante il trattamento, come hanno dimostrato due studi principali cui hanno partecipato in tutto 2 511 pazienti con asma eosinofilico non adeguatamente controllato da una combinazione di corticosteroidi somministrati a dosi elevate per via inalatoria e beta-agonisti a lunga durata d’azione.
Tra i pazienti con il maggior numero di eosinofili nel sangue prima del trattamento, il numero delle esacerbazioni gravi all’anno era pari a 0.66 nei pazienti trattati con Fasenra ( somministrato ogni 4 settimane per le prime 3 dosi e successivamente ogni 8 settimane ) contro 1.14 nei pazienti che hanno ricevuto il placebo.
Da un terzo studio, cui hanno partecipato 220 pazienti, è emerso che le condizioni di diversi pazienti ai quali era stato somministrato Fasenra sono migliorate, al punto da permettere di ridurre la loro dose di corticosteroidi di una media del 75% ( contro il 25% nei pazienti che avevano ricevuto il placebo ).

Gli effetti indesiderati più comuni di Fasenra ( che possono riguardare fino a 1 persona su 10) includono il mal di testa e la faringite.

È stato dimostrato che Fasenra è più efficace del placebo per quanto concerne la riduzione del numero di esacerbazioni di asma e la necessità del trattamento corticosteroideo.
Il farmaco è ben tollerato e ha pochi effetti indesiderati.
L’Agenzia europea per i medicinali ( EMA ) ha deciso che i benefici di Fasenra sono superiori ai rischi. ( Xagena2018 )

Fonte: EMA, 2018

Pneumo2018 Allergo2018 Farma2018


Indietro