Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Onco News

Farmaci antinfiammatori: profilo di sicurezza


I farmaci antiinfiammatori non steroidei ( FANS ) e gli inibitori COX-2 ( coxib) possono causare tossicità gastrointestinale e tossicità cardiovascolare.

Gli studi clinici ed i dati epidemiologici hanno fornito importanti infomazioni sul livello di rischio con i singoli farmaci. Tuttavia, questi dati sono complessi e non esistono confronti rilevanti per molti FANS.
Evidenze maggiori si hanno per i coxib, il Naprossene, l’Ibuprofene, ed il Diclofenac.

Rischio trombotico

Nell’ottobre 2006, il CHM ( Commission on Human Medicines ) ha fornito le sue evidenze riguardo al rischio trombotico cardiovascolare:

A) Diclofenac ( Voltaren ) 150 mg/die ha un profilo di rischio trombotico simile a quello di Etoricoxib ( Arcoxia );

B) Naprossene ( Naprosyn ) 1000 mg/die ha un più basso rischio trombotico rispetto ad Etoricoxib, ed in generale i dati epidemiologici non hanno suggerito un aumentato rischio di infarto miocardico;

C) Per l’Ibuprofene ( Brufen ) al alte dosi ( es. 2400 mg/die ) ci può essere un piccolo rischio trombotico, ma a più basse dosi ( es. 1200 mg/die o inferiori ) i dati epidemiologici non hanno mostrato un aumentato rischio di infarto miocardico.

Meno evidenza è disponibile per altri FANS, che sembrano essere associati ad un piccolo rischio di eventi trombotici , soprattutto con lunga durata d’azione ed alti dosaggi.

Rischio gastrointestinale

Il CSM ( ora, Commission on Human Medicines ) ha compiuto una revisione sul rischio gastrointestinale dei FANS.
E’ stato osservato un alto rischio gastrointestinale con il Piroxicam ( Feldene ), Ketoprofene ( Oki ), e Ketorolac ( Tora-Dol ).

Tra i FANS tradizionali, l’Ibuprofene a basso dosaggio offre il rischio più basso.
I coxib sono associati a ridotto rischio gastrointestinale, rispetto alla maggior parte dei FANS a dosaggi equivalenti.
Tuttavia l’evidenza per una riduzione dei rischi gastrointestinali, clinicamente importanti, per Etoricoxib è debole.

Gli inibitori della pompa protonica riducono il rischio gastrointestinale associato ai FANS, e possono ridurre i rischi ad un livello simile a quello di un coxib usato da solo. ( Xagena2007 )

Fonte: MHRA - Drug Safety Update, 2007


Farma2007 Gastro2007 Cardio2007 Reuma2007


Indietro