Farmaexplorer.it
XagenaNewsletter
Xagena Mappa
Medical Meeting

Due nuovi farmaci per il carcinoma renale avanzato: Cabometyx e Kisplyx


L'Agenzia europea per i medicinali ( EMA ) ha raccomandato la concessione delle autorizzazioni all'immissione in commercio nell'Unione Europea ( UE ) per due farmaci per il trattamento del carcinoma renale avanzato.

Cabometyx ( Cabozantinib ) e Kisplyx ( Lenvatinib ) sono indicati nel trattamento dei pazienti adulti affetti da carcinoma renale avanzato, che sono stati precedentemente trattati con un inibitore del fattore di crescita dell’endotelio vascolare ( VEGF ); Cabometyx deve essere utilizzato in monoterapia, mentre Kisplyx è per l'uso in combinazione con Everolimus ( Afinitor ).

Il carcinoma a cellule renali è la forma più comune di tumore al rene negli adulti. Il carcinoma renale avanzato comprende sia la malattia metastatica sia la forma localmente avanzata che non può essere rimossa chirurgicamente.
Nonostante la recente approvazione di nuove terapie per il carcinoma a cellule renali avanzato, molti pazienti che non rispondono ai trattamenti esistenti hanno una prognosi infausta. Pertanto sono necessarie nuove opzioni di trattamento.

Sia Cabometyx sia Kisplyx sono inibitori della tirosin-chinasi. Agiscono bloccando alcuni enzimi ad attività tirosin-chinasica. Questi enzimi possono essere trovati in alcuni recettori presenti sulla superficie delle cellule tumorali e sono coinvolti nella crescita e diffusione delle cellule tumorali, e nei vasi sanguigni che alimentano i tumori.

Entrambe le sostanze attive sono già approvate nella Unione Europea come farmaci per il trattamento del cancro della tiroide.
Nel dicembre 2013 l’EMA aveva raccomandato per l'approvazione di un farmaco contenente Cabozantinib ( Cometriq ) per il trattamento della adulti affetti da carcinoma midollare della tiroide.
Un altro farmaco contenente Lenvatinib ( Lenvima ) era stato raccomandato per l'approvazione per il trattamento di pazienti con carcinoma tiroideo nel marzo 2015.

Lo studio principale su cui si basa la raccomandazione di Cabometyx è uno studio di fase III che ha coinvolto 658 pazienti con carcinoma renale metastatico che erano peggiorate dopo terapia con inibitori della tirosin-chinasi del recettore VEGF.
In questo studio, i pazienti trattati con Cabometyx hanno avuto un periodo di tempo più lungo senza progressione della malattia ( sopravvivenza libera da progressione ) rispetto ai pazienti trattati con Everolimus ( 7.4 mesi contro 3.8 mesi ).
Inoltre, i risultati preliminari hanno mostrato che i pazienti trattati con Cabometyx hanno vissuto più a lungo rispetto ai pazienti trattati con il solo Everolimus ( mediana di 21.4 mesi rispetto a 16.5 mesi ).
Le reazioni avverse più frequenti associate a Cabozantinib comprendevano: diarrea, affaticamento, nausea, perdita di appetito, sindrome mano-piede ( eritrodisestesia palmo-plantare ) ( rossore, gonfiore e dolore a mani e piedi ), ipertensione e vomito.
Il Comitato per i medicinali per uso umano ( CHMP ) ha concluso che il rapporto beneficio / rischio di Cabometyx è positivo.

Lo studio principale su cui si basa la raccomandazione per Kisplyx è uno studio di fase Ib/II che ha coinvolto 153 pazienti con carcinoma a cellule renali metastatico o non-resecabile che avevano ricevuto una prima terapia mirata anti-VEGF e sono stati trattati con la combinazione di Kisplyx con Everolimus o con uno dei questi agenti.
In questo studio, la sopravvivenza libera da progressione dei pazienti è stata di 12.8 mesi in media per i pazienti trattati con Kisplyx in combinazione con Everolimus, contro 5.6 mesi per i pazienti trattati con solo Everolimus sulla base di una revisione indipendente delle immagini radiologiche.
Inoltre, segnali incoraggianti di sopravvivenza globale prolungata sono stati osservati nei pazienti trattati con la terapia di combinazione.
Le reazioni avverse più frequenti sono state: diarrea, stanchezza, diminuzione dell'appetito, vomito, nausea e ipertensione.
La diarrea in forma grave si è verificata a una frequenza più alta nel gruppo di combinazione che nel gruppo Everolimus.

Il CHMP ha ritenuto che i benefici di Kisplyx in combinazione con Everolimus fossero superiori ai suoi rischi, ma ha richiesto l’effettuazione di studi post-autorizzazione con l’obiettivo di raccogliere ulteriori dati sulla sicurezza e l'efficacia della terapia di combinazione in modo da integrare i dati della fase di sperimentazione Ib/II. ( Xagena2016 )

Fonte: EMA, 2016

Onco2016 Uro2016 Nefro2016 Farma2016


Indietro