Forum Infettivologico
Alliance Cicatrici
Farmaexplorer.it
Xagena Mappa

Copiktra a base di Duvelisib nel trattamento della leucemia linfatica cronica e del linfoma follicolare


Copiktra, il cui principio attivo Duvelisib, è un medicinale antitumorale indicato per il trattamento della leucemia linfatica cronica ( LLC ) e del linfoma follicolare.
Nella leucemia linfatica cronica, Copiktra è impiegato nei pazienti in cui la malattia è ricomparsa o non è migliorata dopo almeno altre due terapie. Nel linfoma follicolare, è usato nei pazienti in cui la malattia non è migliorata dopo almeno altre due terapie.

Copiktra può essere ottenuto soltanto con prescrizione medica e deve essere prescritto da un medico esperto nell’utilizzo di medicinali antitumorali. Copiktra è disponibile sotto forma di capsule da assumere per bocca; la dose raccomandata è di 25 mg due volte al giorno. Il trattamento deve continuare fino a quando la malattia mostra un miglioramento o rimane stabile e gli effetti indesiderati sono tollerabili. In caso di comparsa di taluni effetti indesiderati il medico può ridurre la dose o interrompere il trattamento in modo temporaneo o permanente. Può essere necessario ridurre la dose in pazienti che assumono altri medicinali che aumentano la quantità di Duvelisib nell’organismo.
Qualsiasi infezione deve essere trattata prima dell’inizio della terapia con Copiktra e i pazienti devono essere monitorati per la comparsa di infezioni durante il trattamento con Copiktra.

Il principio attivo di Copiktra, Duvelisib, blocca gli effetti di alcuni enzimi ( denominati PI3K-delta e PI3K-gamma ) che sono iperattivi nei tumori del sangue. Questi enzimi consentono la crescita e la sopravvivenza delle cellule tumorali. Bloccando gli effetti degli enzimi, Duvelisib provoca la morte delle cellule tumorali, ritardando o arrestando la progressione del cancro.

Uno studio principale sulla leucemia ha evidenziato che Copiktra è risultato più efficace di un altro medicinale antitumorale, Ofatumumab, nei pazienti con leucemia linfatica cronica che non era migliorata o era ricomparsa dopo almeno altre due terapie.
Su 196 di questi pazienti dello studio, quelli trattati con Copiktra sono vissuti in media 16 mesi prima del peggioramento del cancro rispetto ai 9 mesi registrati in quelli trattati con Ofatumumab.

Nel secondo studio principale sul linfoma, Copiktra è risultato efficace nel produrre una risposta in pazienti con linfoma follicolare il cui cancro non era migliorato dopo due precedenti terapie: il 40% di questi pazienti ( 29 su 73 ) ha risposto al trattamento.

Gli effetti indesiderati più comuni di Copiktra ( che possono riguardare più di 2 persone su 10 ) sono diarrea o colite ( infiammazione dell’intestino crasso ), neutropenia ( bassi livelli di neutrofili ), eruzione cutanea, stanchezza, febbre, tosse, nausea, infezione delle vie respiratorie superiori ( infezioni del naso e della gola ), infezione polmonare, dolore muscoloscheletrico ( dolore ai muscoli e alle ossa ) e anemia ( bassa conta degli eritrocii ).
Gli effetti indesiderati gravi più comuni sono stati polmonite, colite e diarrea.

Copiktra si è dimostrato efficace nel ritardare il peggioramento della malattia nei pazienti con leucemia linfatica cronica non-migliorata o recidivante dopo almeno due precedenti terapie.
Inoltre il medicinale è risultato efficace nei pazienti con linfoma follicolare non-migliorato dopo almeno due terapie precedenti.
Il profilo di sicurezza di Copiktra è stato considerato accettabile.
L’Agenzia europea per i medicinali, EMA, ha deciso che i benefici di Copiktra sono superiori ai rischi. ( Xagena2021 )

Fonte: EMA, 2021

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro