Forum Infettivologico
Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Bimzelx a base di Bimekizumab per il trattamento della psoriasi a placche


Bimzelx è un medicinale usato per il trattamento della psoriasi a placche, una malattia che provoca chiazze rosse e squamose sulla pelle. È usato negli adulti con malattia da moderata a grave che necessitano di trattamento sistemico.
Bimzelx contiene il principio attivo Bimekizumab.

Bimzelx può essere ottenuto soltanto con prescrizione medica e deve essere usato sotto il controllo di un medico esperto nella diagnosi e nel trattamento della psoriasi.
Bimzelx è disponibile sotto forma di iniezione in siringhe preriempite o in iniettori a penna. Viene somministrato sotto la pelle con due iniezioni di 160 mg ciascuna ( per un totale di 320 mg ) una volta ogni quattro settimane per 16 settimane.
In seguito, le iniezioni vengono generalmente praticate ogni 8 settimane. Il medico può decidere di interrompere il trattamento in assenza di miglioramento dopo 16 settimane.
I pazienti possono praticarsi l’iniezione di Bimzelx da soli dopo aver imparato a farlo.

Il principio attivo di Bimzelx, Bimekizumab, è un anticorpo monoclonale, una proteina concepita per legarsi alle interleuchine IL-17A, IL-17F e IL-17AF, che sono molecole messaggere del sistema immunitario dell’organismo.
È stato dimostrato che elevati livelli di queste interleuchine contribuiscono allo sviluppo di malattie infiammatorie causate dal sistema immunitario, come la psoriasi a placche. Legandosi a queste interleuchine, Bimekizumab impedisce loro di interagire con i rispettivi recettori sulla superficie dell’epidermide. Tale azione riduce l’infiammazione e allevia i sintomi correlati alla psoriasi a placche.
Tre studi principali hanno dimostrato l’efficacia di Bimzelx nel trattamento di pazienti adulti affetti da psoriasi a placche da moderata a grave. La malattia si è alleviata in misura maggiore nei pazienti trattati con Bimzelx rispetto a quelli che avevano assunto placebo o altri due medicinali per la psoriasi ( Ustekinumab o Adalimumab ).
Nei tre studi condotti su un totale di 1 480 pazienti, dopo 16 settimane l’85-91% circa di quelli trattati con Bimzelx ogni 4 settimane ha riportato una riduzione di circa il 90% nei punteggi PASI ( una misura della gravità della psoriasi e della condizione della zona cutanea interessata ), a fronte dell’1-5% dei pazienti che avevano assunto placebo ( in 2 degli studi ), del 50% di quelli trattati con Ustekinumab ( in 1 degli studi ) e del 47% di quelli trattati con Adalimumab ( in 1 degli studi ).
Inoltre, dopo 16 settimane l’84-93% dei pazienti trattati con Bimzelx presentava una cute esente o quasi da lesioni, rispetto all’1-5% di quelli ai quali era stato somministrato placebo, al 53% dei pazienti trattati con Ustekinumab e al 57% di quelli trattati con Adalimumab.

Gli effetti indesiderati più comuni di Bimzelx sono infezioni delle vie respiratorie superiori ( naso e gola ), che possono riguardare più di 1 persona su 10, e candidiasi orale ( candidosi, un’infezione fungina della bocca o della gola ), che può riguardare fino a 1 persona su 10.
Il medicinale non deve essere somministrato a pazienti con un’infezione clinicamente importante in corso, come la tubercolosi attiva.

Gli studi hanno dimostrato che Bimzelx è un trattamento efficace nei pazienti con psoriasi a placche da moderata a grave. Gli effetti positivi del medicinale sono proseguiti con l’uso continuato fino a un anno.
Gli effetti indesiderati erano in linea con altri medicinali simili per la psoriasi: quelli più importanti erano le infezioni di naso e gola e la candidiasi, un’infezione da lieviti nella bocca o nella gola.

L’Agenzia europea per i medicinali, EMA, pertanto ha deciso che i benefici di Bimzelx sono superiori ai rischi. ( Xagena2021 )

Fonte: EMA, 2021

Dermo2021 Farma2021


Indietro