Gastroenterologia.net
Reumatologia
Mediexplorer

Zinbryta nel trattamento degli adulti con sclerosi multipla nelle forme recidivanti, come seconda linea


Zinbryta è un medicinale usato per il trattamento degli adulti con sclerosi multipla nelle forme recidivanti.
La sclerosi multipla è una malattia in cui l’infiammazione danneggia lo strato protettivo che circonda le cellule nervose del cervello e del midollo spinale.
Recidivanti significa che il paziente ha riacutizzazioni dei sintomi.
Zinbryta contiene il principio attivo Daclizumab.

La dose raccomandata di Zinbryta è di 150 mg iniettati per via sottocutanea una volta al mese. I pazienti devono essere istruiti per effettuare l’iniezione su loro stessi usando o una siringa preriempita o un dispositivo a penna per iniezione.

Nella sclerosi multipla, il sistema immunitario dell’organismo attacca erroneamente e danneggia lo strato protettivo che circonda le cellule nervose del sistema nervoso centrale ( il cervello e il midollo spinale ).
Il principio attivo di Zinbryta, Daclizumab, è un anticorpo monoclonale che attacca i linfociti T. Queste cellule fanno parte del sistema immunitario dell’organismo e vengono attivate dall’interleuchina-2, una proteina di segnalazione dell’organismo. Attaccando i linfociti T, Daclizumab blocca l’interleuchina-2, impedendo così ai linfociti T di attaccare e danneggiare le cellule nervose.
Daclizumab può avere anche altri effetti che riducono gli effetti dannosi del sistema immunitario sulle cellule nervose.

Zinbryta è risultato efficace nel trattamento della sclerosi multipla recidivante in due studi principali condotti su più di 2400 pazienti.

In uno studio che ha coinvolto 600 pazienti, Zinbryta si è dimostrato più efficace rispetto al placebo nel ridurre le recidive della patologia. I pazienti trattati con Zinbryta nella dose di 150 mg ogni 4 settimane avevano una media di 0.21 recidive in un anno rispetto allo 0.46 di coloro che ricevevano il placebo.

In un altro studio con 1841 pazienti, i pazienti trattati con Zinbryta nella dose di 150 mg ogni 4 settimane avevano una media di 0.22 recidive in un anno rispetto allo 0.39 di coloro che ricevevano Interferone beta-1a, un altro medicinale impiegato nella sclerosi multipla.

Gli effetti indesiderati più comuni di Zinbryta ( che possono riguardare più di 1 persona su 100 ) sono eruzione cutanea, aumento degli enzimi epatici nel sangue, depressione, infiammazione e dolore del naso e della gola, influenza e infezioni del tratto respiratorio superiore come raffreddore e linfoadenopatia ( ghiandole ingrossate ).
Gli effetti indesiderati gravi più comuni di Zinbryta sono danni epatici e gravi reazioni cutanee.

Il Comitato scientifico ( CHMP ) dell’EMA ( European Medicines Agency ) ha deciso che i benefici di Zinbryta sono superiori ai rischi.
Zinbryta è risultato essere efficace in studi condotti per periodi fino a 3 anni.
Zinbryta agisce in modo diverso rispetto ai trattamenti esistenti e ha il vantaggio di venire somministrato solo una volta al mese.
Il trattamento è associato a diversi effetti indesiderati a livello epatico e a un rischio aumentato di infezioni, ma il CHMP ha ritenuto che questi rischi possano essere gestiti con un controllo regolare. ( Xagena2017 )

Fonte: EMA, 2017

Neuro2017 Farma2017


Indietro