Gastroenterologia.net
OncoGinecologia.net
Neurologia

Zepatier per il trattamento dell’epatite C cronica genotipo 1a, 1b e 4 con o senza cirrosi epatica compensata negli adulti


Zepatier è un medicinale antivirale indicato nel trattamento dell’epatite C cronica negli adulti. L’epatite C è una malattia infettiva, causata dal virus dell’epatite C, che colpisce il fegato.
Zepatier contiene i principi attivi Elbasvir e Grazoprevir.
Esistono più varietà ( denominate genotipi ) del virus dell’epatite C. Zepatier è raccomandato per l’uso in pazienti infetti da virus dell’epatite C di genotipo 1a, 1b e 4 con o senza cirrosi epatica compensata ( cicatrizzazione del fegato senza compromissione della funzionalità epatica ).

Zepatier è disponibile sotto forma di compresse contenenti 50 mg di Elbasvir e 100 mg di Grazoprevir.
La dose normale di Zepatier è una compressa una volta al giorno per 12 settimane.
In alcuni casi il trattamento può durare di più e Zepatier può essere assunto in associazione a un altro medicinale, detto Ribavirina.

I principi attivi di Zepatier, Elbasvir e Grazoprevir, bloccano l’azione di due proteine che sono essenziali per la moltiplicazione del virus dell’epatite C. Elbasvir blocca l’azione di una proteina chiamata NS5A, mentre Grazoprevir blocca un enzima chiamato proteasi NS3/4A.
Bloccando queste proteine, Zepatier interrompe la moltiplicazione del virus dell’epatite C e l’infezione di nuove cellule.

Zepatier, con o senza Ribavirina, è stato valutato nell’ambito di otto studi principali condotti su circa 2000 pazienti con infezione da virus dell’epatite C di vari genotipi il cui fegato funzionava normalmente o adeguatamente.
In tutti gli studi, il principale parametro di efficacia era il numero di pazienti nei quali gli esami del sangue non evidenziavano tracce del virus dell’epatite C 12 settimane dopo il trattamento.
Considerando i risultati degli studi nel loro complesso, il 96% dei pazienti con virus del genotipo 1b ( 301 su 312 ) è risultato negativo per il virus a distanza di 12 settimane dal termine del trattamento con Zepatier.
Per quanto riguarda il virus del genotipo 1a, il 93% ( 483 su 519 ) dei pazienti trattati con Zepatier è risultato negativo rispetto al 95% ( 55 su 58 ) dei pazienti che aveva assunto Zepatier con Ribavirina.
Per quanto riguarda il virus del genotipo 4, il 94 % ( 61 su 65 ) dei pazienti trattati con Zepatier è risultato negativo rispetto al 100 % ( 8 su 8 ) dei pazienti che aveva assunto Zepatier e Ribavirina.
Un beneficio è stato osservato anche nei pazienti infetti da virus dell’HIV o nei pazienti che soffrivano di insufficienza renale cronica.
I dati disponibili relativi ai pazienti con virus del genotipo 3 non erano sufficienti a sostenere l’uso di Zepatier per questo genotipo.

Gli effetti indesiderati più comuni di Zepatier ( che possono riguardare più di 1 persona su 10 ) sono stanchezza e cefalea.

Zepatier non deve essere utilizzato nei pazienti con compromissione moderata o grave della funzionalità epatica ( cirrosi di classe B o C di Child-Pugh ).

Zepatier non deve essere usato in associazione a medicinali come l’antibiotico Rifampicina, alcuni farmaci contro l’HIV e Ciclosporina ( utilizzata per prevenire il rigetto d’organo ) poiché Zepatier può interferire con l’azione di tali medicinali.

Inoltre, Zepatier non deve essere utilizzato insieme all’erba di San Giovanni ( un medicinale a base di erbe utilizzato per la depressione e l’ansia ) o agli antiepilettici Carbamazepina e Fenitoina in quanto questi medicinali possono interferire con l’azione di Zepatier.

Zepatier ha dimostrato di essere altamente efficace nell’eliminare i genotipi 1a, 1b e 4 del virus dell’epatite C dal sangue di pazienti con o senza cirrosi compensata, compresi i pazienti infetti anche da HIV o che soffrivano di insufficienza renale cronica.
Nella maggior parte degli studi, il trattamento con Zepatier non è stato messo a confronto con un altro trattamento o con l’assenza di trattamento. Questo è stato considerato accettabile in quanto l’epatite C cronica molto raramente guarisce senza trattamento e, all’epoca in cui sono stati iniziati gli studi, non erano disponibili altri medicinali antivirali come Zepatier.
Zepatier è risultato ben tollerato e ha mostrato un profilo di sicurezza favorevole.

Il Comitato scientifico ( CHMP ) dell’Agenzia EMA ( European Medicines Agency ) ha pertanto deciso che i benefici di Zepatier sono superiori ai rischi. ( Xagena2017 )

FontE: EMA, 2017

Gastro2017 Inf2017 Farma2017


Indietro